Le applicazioni Facebook sono una minaccia per la privacy?

I miei timori riguardanti le applicazioni di Facebook espresse nel post Dall’Auditel a Facebook passando per Google trovano la conferma nella notizia pubblicata recentemente che ben due applicazioni chiamate The Error Check System e Facebook closing down stiano mettendo a repentaglio la sicurezza dei dati personali su Facebook.

La notizia, apparsa su diversi blog e siti tra cui quelli di Trend Micro, indica l’esistenza di due applicazioni che inviando messaggi fasulli a tutti gli amici presenti nella lista di un utente, invitano a installare l’applicazione con il solo scopo di accedere alle informazioni riservate del profilo.

Pur non trattandosi di virus (fino a quando l’utente non scarica e installa sul proprio computer programmi eseguibili è abbastanza al sicuro1) sono comunque applicazioni che possono accedere alle informazioni personali che abbiamo registrato su Facebook.

In casi come questi gli antivirus e i firewall servono poco. Consiglio quindi ancora una volta di diffidare delle applicazioni di Facebook, in particolare di quelle sviluppata da terzi. In cambio di qualche giochetto spesso inutile  possono accedere al nostro profilo e propagarsi autonomamente (o quasi) attingendo alla nostra lista di contatti.

Risorse

Per riderci sopra

  1. Si noti che sempre in un articolo di Graham Cluley tradotto da Leonardo Musumeci viene segnalato un sito che, raggiunto attraverso una ricerca su Google per “Facebook Error Check System”, tenta di installare uno script che risulta essere un malware (Sus/FakeAV- A). In questo caso siamo di fronte a vere proprie forme “virali” a cui un anti-virus può fare fronte
Termini collegati: , Scrivi il tuo commento all'articolo

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I Campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> <pre lang="" line="" escaped="">