La Cookie Law spagnola

Molti hanno scritto sulla Cookie Law. Poche ad oggi le applicazioni reali e utili (?) della nuova normativa. Solo una moltitudine di banner e popup che suppongo la gente chiuda immediatamente con un certo fastidio (quante pagine scritte sull’usabilità sonno state gettate alle ortiche?).

Pensando a cosa avrei potuto dire di mio sull’argomento, per aggiungere la mia quota di rumore, mi è venuto solo in mente un pezzo de La Chimera di Sebastiano Vassalli:

Del resto, era una precisa tecnica di governo al tempo della dominazione spagnola in Italia, questa di costringere i sudditi a convivere con leggi inapplicabili e di fatto inapplicate, restando sempre un poco fuori della legge: per poterli poi cogliere in fallo ogni volta che si voleva riscuotere da loro un contributo straordinario, o intimidirli, o trovare una giustificazione per nuove e più gravi irregolarità.

Così è nata l’Italia moderna, nel Seicento: ma può essere forse motivo di conforto, per noi, sapere che il malcostume ci è venuto da fuori, e che è più recente di quanto comunemente si creda

L’ho trovata abbastanza rapidamente senza dovere andare a sfogliare pagina per pagina il libro, con una ricerca su Google. Che da oggi mi avrà profilato come avido lettore e mi manderà tanta pubblicità di libri. Che tragedia.

Termini collegati: , , , Scrivi il tuo commento all'articolo

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I Campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> <pre lang="" line="" escaped="">